Giustizia e libertà

Non dobbiamo limitarci a dire “un abbraccio a Bassolino” e tutto finisce qui dopo 19 assoluzioni. Troppi nomi inghiottiti in un vortice giustizialista, troppi cancellati da processi giornalistici (quasi mai giudiziari) per poi accorgersi dell’infondatezza di tutto alla fine della salita.

Su questa semplificazione, su questo odio che vomita urla di arresti ovunque mentre la criminalità nascosta affonda vere e profonde radici tentacolari nella società.
Arresti e processi come puri agnelli sacrificali per nascondere sistemi di malaffare e oppressione che restano saldi e rafforzati da una giustizia che si celebra ormai solo sulla stampa.

A sinistra non dobbiamo avere rossore in volto quando parliamo di un sistema mediatico-giudiziario affannato, non dobbiamo vergognarci di dire che non possono essere legittimate nel silenzio voragini che risucchiano in una finta gara di moralità dozzine di persone che fanno politica.

Oltre ad abbracciare virtualmente Antonio Bassolino, andrebbero abbracciati nei fatti cambi di passo coraggiosi per superare questi tritacarne, superando i limiti del sistema giudiziario e ristabilendo un clima in cui la gara a fare i puri non sia unico metro di giudizio di una politica troppo dedita all’avanspettacolo.

E per ora non ha senso “abbracciare” Bassolino e accettare a capo chino lo scempio della prescrizione, un ministro come bonafede, l’osannare personaggi come Travaglio e la cricca che lo segue … e tutto ciò che nulla ha a che vedere con il contrastare le sciagure e la vergogna di intere vite distrutte .

Combattere per una giustizia giusta è dovere a sinistra, allontanando il fanatismo giacobino di un giustizialismo bifolco e fuori
dal tempo, per rompere quelle radici profonde che legano lo spettacolo mediatico-giudiziario all’impossibilità di affrontare seriamente i drammi radicali e permeanti nella società

Pochi “campanelli” si sono sentiti, come quello dell’ex ministro Andrea Orlando, ma ancora pochi e contraddittori per una questione così grande.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...