Riggi (Psi): «A Frosinone le mense scolastiche sono troppo care per le famiglie in difficoltà»

DSC00029-e1430072212973

Nell’arco dello scorso question time, che si è svolto mercoledì sera nei locali di viale Mazzini, tra le domande e le questioni sollevate dai vari consiglieri – tutti di opposizione tranne Marco Ferrara di Fratelli d’Italia- rivolte alla Giunta ed al sindaco Nicola Ottaviani, è stata portata alla ribalta dal consigliere socialista Daniele Riggi, anche la situazione relativa al costo ed al servizio delle mense scolastiche: «Ho chiesto – ha dichiarato Riggi- come mai il Comune di Frosinone continui ad avere la media delle quote dei costi della mensa più alta di città più grandi. Secondo quanto emerso dalle ultime statistiche abbiamo un costo abbastanza alto. E come mai non abbiamo una fascia di esenzione dal pagamento per chi ha il reddito che vada dai zero ai duemila e cento euro, almeno, e quindi rivolto a quelle famiglie che percepiscono redditi bassissimi. Altre città, anche vicino a noi come Latina, non fanno pagare il servizio a quelle famiglie che hanno il reddito corrispondente ai 6 mila euro od inferiore. E, soprattutto – ha ribadito il consigliere socialista – se il Comune, per i casi di morosità, ha previsto di distinguere tra la morosità colpevole delle famiglie da quella non colpevole». Nell’ultimo bando di esternalizzazione del servizio mensa per i plessi scolastici comunali, infatti, viene riportato come sia intenzione del gestore privato l’esclusione dei morosi dell’anno precedente dal servizio mensa. «Non tutti – ha sottolineato Riggi- sono colpevoli di questa morosità. Il Comune deve andare incontro a chi risulta moroso per problemi economici. Dall’Ente hanno ribadito come le famiglie già segnalate ai Servizi Sociali non pagano il servizio. Non credo, però, che tutte le famiglie di Frosinone in difficoltà siano già segnalate a tali servizi ed abbiano questa esenzione. E’ doveroso, quindi, distinguere la morosità colpevole da quella incolpevole». Su questa situazione, che potrebbe macchiarsi di misure d’esclusione per le famiglie in situazioni economiche disastrate ed in difficoltà, ha risposto lo stesso sindaco Nicola Ottaviani durante l’assise civica, che ha rassicurato: «Il servizio è stato esternalizzato perché non andava mai a pareggio. L’Amministrazione comunale fa già una quota di solidarietà, che oscillerà tra i 100 ed i 120 mila euro per quelle che sono le famiglie più bisognose a seconda delle indicazione che proverranno dai Servizi Sociali. Non abbiamo fatto un’esenzione completa a monte, perché bisogna valutare caso per caso. Quindi, la questione è quella relativa ad un contributo rispetto ad un servizio che è in concessione all’esterno. Abbiamo sollecitato anche oggi (mercoledì,nda), il dirigente a parlare con l’impresa per evitare che ci siano dei casi che noi riteniamo assolutamente incomprensibili e assolutamente mortificanti, secondo i quali la pregressa morosità non darebbe la possibilità di stipulare alla singola famiglia il nuovo contratto per la somministrazione dei buoni pasto per l’anno in corso. La precedente morosità va sicuramente sanata – ha ribadito Ottaviani – però dobbiamo distinguere tra morosità incolpevole, di chi non può e che magari fa anche un piano di rientro, dalla morosità di chi fa spallucce e dice che lo Stato gli deve dare tutto. Credo che ci sia una bella differenza. La morosità incolpevole deve essere aiutata dall’Amministrazione comunale, finché c’è la possibilità di credere, e noi ci crediamo, al profilo della coesione sociale. La morosità colpevole, invece, deve essere valutata secondo altri criteri, che sono quelli del rapporto anche di natura privatistico tra l’azienda e il singolo utente».

Fonte: Matteo Ferazzoli, quotidiano “L’Inchiesta”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...