#DiarioPolitico – video integrale interrogazione su biblioteca comunale e bandi per i giovani del 06/09/17

 

“Si torna a parlare della biblioteca comunale “Norberto Turriziani”, struttura sita in Corso della Repubblica e che da anni attende un trasferimento, più volte annunciato e deliberato già nel 2013 dalla Giunta Ottaviani, in una località più dignitosa. L’Amministrazione, già da qualche anno, ha infatti individuato l’ex edificio Polivalente come nuovo luogo in cui spostare la biblioteca comunale. Il trasferimento, però, nonostante gli anni, ancora non è avvenuto. Così, nel corso dell’ultimo question time, il consigliere d’opposizione Daniele Riggi (Psi) ha interrogato la Giunta: «Quello che ho notato nel discorso fatto dal sindaco sui punti programmatici nell’ambito della cultura, è che non si è menzionato il trasferimento della biblioteca “Turriziani”. Nel 2013 la Giunta, tramite delibera, espresse la volontà di garantire alla biblioteca locali più idonei ed il sito prescelto è stato il Polivalente. Con gli ultimi bandi di gara prodotti per il Polivalente è cambiata la volontà, in quanto si vuole affidarla ai privati per una ristrutturazione. Quello che volevo sapere è se c’è la volontà, almeno per il prossimo anno, di proseguire l’operazione di spostamento della biblioteca al Polivalente». Nel discorso sui punti programmatici, tenuto dal sindaco Nicola Ottaviani nel Consiglio comunale del 5 settembre, infatti, si è ribadita più volte la volontà della Giunta di investire ulteriormente sulla cultura, in particolare nelle strutture del centro storico ma, come sottolineato da Riggi, non si è fatta menzione della “Turriziani”. «E’ vero – ha risposto Ottaviani- non lo abbiamo inserito nel discorso ma rimane invariato quello che è l’oggetto delle delibere adottate in passato. In quell’area Ex Polivalente vogliamo insediare la nuova biblioteca comunale, visto che è anche dirimpetto all’Accademia di Belle Arti, quindi non sarà utile solo ai cittadini ma anche agli studenti. Non abbiamo cambiato la “mission” che abbiamo individuato lì né cambiato neppure la destinazione. Leggendo la delibera, (sul Polivalente,nda) c’è scritto “in attesa della realizzazione” della biblioteca. Tanto è vero che il contratto che eventualmente verrà stipulato col privato è anno per anno, non rinnovabile tacitamente. Speriamo di trovare qualcuno che vada lì (nella struttura Polivalente,nda) affinché si evitino episodi come quelli accaduti a Pizza Indipendenza, per capirci. Ed in più avremo un piccolo introito per l’Amministrazione comunale rispetto al nulla, non spogliandoci della possibilità di riprenderci le chiavi della struttura». In sostanza, quindi, un eventuale rinnovo con i privati interessati al Polivalente, avverrà anno per anno e non in maniera tacita e che, in ogni caso, all’Amministrazione spetterebbe il diritto di reimpossessarsi dell’area. «La nostra intenzione – ha concluso il sindaco parlando del trasferimento della biblioteca- è quella di continuare su questa strada e non lo abbiamo inserito nei punti programmatici espressi ieri (il giorno del Consiglio,nda) non per assenza ma per una non ripetizione voluta. E’ già inserito nell’attività della vecchia Amministrazione e nel programma elettorale». In sintesi, quindi, dall’Amministrazione è stata ribadita, per l’ennesima volta, la ferma volontà del trasferimento della biblioteca. Non si è scesi, però, nella concretezza dello spostamento  e, per di più, la continua volontà di voler affidare il Polivalente in mano ai privati, espressa con due bandi di gara, fa sembrare sempre meno imminente l’eventuale trasloco della Turriziani. «La biblioteca – ha commentato Riggi dopo il question time- va considerata un’agenzia culturale che porta valore alla città. Gli studenti che vanno lì a studiare, rimangono in giornata a Frosinone e contribuiscono anche all’economia e a ravvivare il centro storico. Così come l’Amministrazione ha investito su eventi episodici, come il Festival dei Conservatori, è giusto investire in quelle strutture culturali che funzionano 12 mesi l’anno, come il museo e la biblioteca. Ci aspettiamo per l’anno prossimo un impegno dell’Amministrazione comunale di mettere in bilancio l’investimento sulla biblioteca, perché la modalità di bando fatta per il Polivalente, non garantisce che poi il privato rimetta a norma i locali, visto il prezzo oneroso. E’ difficile che qualche privato risponda e metta quei soldi»”.

Fonte: Matteo Ferazzoli da “L’Inchiesta”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...