Il segretario Riggi interviene sulle prossime elezioni comunali di Frosinone

 

Dopo le elezioni comunali del 2012 a Frosinone, caratterizzate dallo strappo tra il
Partito Socialista e il Partito Democratico, da coordinatore cittadino dei Giovani Socialisti di Frosinone, sono stato uno dei primi, se non il primo a cercare di ricucire i rapporti con il Circolo del Partito Democratico di Frosinone, consapevole dell’importanza e della necessità di avere un centro sinistra unito e collaborativo per sconfiggere la destra di Nicola Ottaviani alle successive elezioni comunali. Molti sono gli iscritti con cui è stato possibile avere confronti interessanti e costruttivi dal punto di vista politico e umano, con alcuni di essi abbiamo addirittura dato vita insieme a delle iniziative. Con i Giovani Democratici abbiamo realizzato iniziative e proposte molto interessanti e abbiamo costruito nel tempo un rapporto di collaborazione con solide radici e sempre all’insegna del reciproco rispetto e della reciproca stima. Purtroppo oggi questa prospettiva sembra essere compromessa, ma non di certo per colpa degli iscritti e dei militanti del circolo PD di Frosinone e men che meno dai ragazzi dei Giovani Democratici, che rappresentano la componente sana, responsabile e attivista dei democratici. Chi ha fatto fallire questa riappacificazione sono coloro i quali vedono la politica come uno strumento di cui servirsi per logiche di interesse e di fazione. Una logica egoista e scellerata, caratterizzata dal respiro corto, anzi cortissimo, che esprime i suoi interessi nel breve e brevissimo termine, distruggendo prospettive e possibili intese. Una logica che negli ultimi anni è stata la vera e unica responsabile della distruzione del centro sinistra.

Spero che ci sia un ravvedimento e che i signori locali rinuncino alla logica del candidato di fazione per raccogliere voti alle prossime regionali e ai prossimi appuntamenti nazionali, come è accaduto a Cassino e Ceccano, lasciando spazio alla partecipazione democratica dei circoli di attivisti e dei cittadini. Alla luce di questa analisi non posso non dare ragione alla scelta autonomista deliberata dal nostro segretario provinciale Danilo Iafrate e dal nostro coordinatore cittadino Vincenzo Iacovissi. L’attacco nei confronti del PSI da parte di queste bande è cominciato molto prima del 2012 in questa provincia. Questa volta non ci stiamo a fare da parafulmine alle loro scariche. Ci vogliono con loro in questo gioco irresponsabile, in quanto già perdente in partenza, del candidato di fazione, per poter dire, non appena le cose si metteranno male: “E’ sempre “colpa dei socialisti”!” Forse gli serve di più qualcuno per coprire le loro di colpe che non un partito con cui allearsi lealmente. Allora, dato che comunque ci mettiamo è sempre colpa nostra, questa volta noi non faremo il parafulmine di nessuno, e se riconsegneremo questa città alla destra sapremo di chi è veramente la colpa. In fin dei conti a fare gli accordi sottobanco con NCD e con attuali assessori di questa giunta non è di certo il PSI ma, piuttosto, chi, a sinistra, lo ha sempre disprezzato e accusato di tutto.

Daniele Riggi, segretario provinciale FGS

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...